On Time#1

I protagonisti di On Time#1 sono giovanissimi danzatori in età adolescenziale e pre-adolescenziale (selezionati tramite un laboratorio-audizione) accompagnati da musica dal vivo: è la loro risposta “umana” alle proposte di ricerca durante il processo di creazione a guidare le scelte relative a tutti gli aspetti della performance finale. Nessuna decisione a priori, si vive il divenire del processo artistico e si determina. La metodologia di lavoro verte su tasks molto precisi al fine di strutturare una griglia di possibilità d’azione a maglie strettissime in cui è tutto definito nella modalità, nella qualità e nella progressione di processi fisici ma che lascia comunque che la libertà individuale si manifesti. “(…) Sono affascinata dalla grande possibilità di astrazione del corpo, soprattutto quando spogliato del superfluo vive nella sua essenza, verità e fragilità… E sceglie nell’istante, in ogni istante. (…)”.
Il progetto didattico-artistico viene proposto a realtà interessate alla formazione e alla sperimentazione artistica vista come possibilità di investimento culturale sul territorio. Per la natura del metodo utilizzato la performance finale sarà diversa ogni volta in relazione all’unicità dei partecipanti al lavoro.

***

The protagonists of On Time#1 are very young performers (selected by a workshop-audition) that perform together with live music: their “human” responses during the creative process leads all the choises about the final performance without a priori decisions. The working methodology is based on very precise tasks in order to structure a grid of very tight meshed action possibilities in which everything is defined in the modality, in the quality and progression of physical processes, but which leaves individual freedom in any case manifested. “(…) I am fascinated by the great possibility of abstraction of the body, especially when stripped of the superfluous lives in its essence, truth and fragility … And chooses in the instant, in every moment. (…) “.
The educational-artistic project is proposed to dance organisations interested in training and artistic experimentation as a possibility of cultural investment in the territory. Due to the nature of the method used, the final performance will be different each time in relation to the uniqueness of the participants in the work.

Regìa e coreografia Ilenia Romano
Supporto drammaturgico Ivano La Rosa
Produzione Scenario Pubblico/Compagnia Zappalà Danza
dur. 25’

***

Direction and choreography Ilenia Romano
Dramaturgical support Ivano La Rosa
Production Scenario Pubblico/Compagnia Zappalà Danza
dur. 25’

***